Godere l’Esperienza

Scritto da Elisa Romeo

16 Settembre 2020

Ovvero: La pratica dei Magnifici 5 Sensi.

Sei anche tu del club ‘mangio mentre lavoro’ o ‘mentre mangio guardo questo video già che ci sono’? Io ho passato anni a farlo in continuazione, anche perché faccio parte della generazione cresciuta con la tv a tavola, e non nego che ogni tanto mi piace ancora la serata ‘pizza (vegan!) & cinema’.
Però mi sono resa conto, grazie alle pratiche mindfulness, di come ci siamo spinti oltre. Quanto raro è mangiare soltanto mangiando!
Ed è un vero peccato, perché il cibo cucinato con cura è intriso dell’energia d’amore di chi l’ha preparato, e se non ci facciamo attenzione rischiamo di non accorgercene neanche, gustandone a malapena il sapore.

Puoi accorgerti della differenza provando la pratica dei Magnifici 5 Sensi applicata al cibo. Comincia con un piccolo boccone: un biscotto, un piccolo frutto o (goduria!) un cioccolatino (fondente, mi raccomando ;).
Per prima cosa, concentrati sul respiro: svuota i polmoni completamente, e inspira profondamente; ripeti un paio di volte. Ora osserva il tuo bocconcino:
– vista: di che colore è? Ha sfumature? Qual’è la sua forma? Qualcosa ti colpisce o incuriosisce?
– tatto: è ruvido, liscio? Caldo, freddo?
– olfatto: Profuma? Senti altri odori nella stanza?
Ora mettilo in bocca:
– tatto: che consistenza ha? Si scioglie?
– gusto: assaporalo lentamente, quanti e quali sapori percepisci?
– udito: mentre lo mastichi, stai facendo rumore? Oppure senti solo il tuo hmmmm di apprezzamento?

Ora immagina di vivere in questo modo un’intero pranzo o cena…!!!
Certo sembra alquanto strano da realizzare, perlomeno io finora l’ho vissuto soprattutto durante ritiri spirituali o quando mangio da sola; però provare ogni tanto questa pratica anche solo con un boccone mi ricorda quanto l’esperienza può essere amplificata dalla presenza e dall’attenzione, e cerco di portarla più spesso possibile nelle mie abitudini quotidiane. Ad esempio, mio marito ed io siamo soliti apprezzare ogni cibo che mangiamo, esprimendone a voce alta la bontà, le qualità, e la gratitudine che proviamo verso chi dei due l’ha cucinato, e questo non perché siamo ossessionati dal cibo (basta che sia vegan, chiaro) ma perché è un modo per farci attenzione, e accorgerci dell’esperienza che stiamo vivendo, con le sue sfumature e la sua energia.


Allora, ti ho convinta a provare? Scrivimi nei commenti qui sotto com’è andata!
Se poi ti incuriosisce la nostra cucina vegan, seguimi su Instagram: ogni settimana posto nelle Stories uno dei nostri piatti riusciti meglio, e cliccando sul bottone ‘Chiedimi la Ricetta’ potrai provarlo anche tu!

Ti aspetto!

Ti potrebbero anche interessare…

0 Commenti

Hai domande o commenti? Scrivimi qui sotto!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest

Share This