Il Gioco dei Disabituatori [MDM #3]

Scritto da Elisa Romeo

18 Ottobre 2020

La pratica dei disabituatori è proprio tra quelle che possiamo implementare nella nostra quotidianità, per allenare la nostra consapevolezza.

Come sappiamo, mindfulness vuol dire ‘prestare attenzione in maniera consapevole al momento presente, in modo possibilmente non giudicante’. Il termine ‘possibilmente l’ho aggiunto io in realtà, perché sospendere il giudizio di una nostra esperienza è una pratica molto difficile, dato che siamo abituati a giudicare automaticamente quello che stiamo vivendo, in continuazione.
È proprio per questo chiamo questa pratica il GIOCO dei disabituatori!

Durante la giornata svolgiamo migliaia di azioni in maniera automatica, e per fortuna aggiungerei, perché questo ci permette di vivere le nostre giornate in maniera completa, potendo fare tantissime azioni complesse. Quindi in origine si tratta di un vantaggio; certo, se non gli permettiamo di prendere continuamente il controllo delle nostre giornate! Ogni tanto proviamo ad accorgerci del fatto che stiamo svolgendo le azioni in maniera automatica, perché questo è il primo passo per riuscire poi ad accorgerci di quando i pensieri cominciano a portarci in maniera automatica verso lidi che in realtà non avremmo desiderato visitare.

In che cosa consiste dunque il Gioco dei Disabituatori?
Si tratta di provare a cambiare una (o qualche) piccola azione che siamo abituate a svolgere sempre nello stesso modo. Le varianti sono potenzialmente infinite; io te ne propongo qui di seguito tre.

 

1 – Sposta un oggetto

Questo è un modo molto semplice di giocare: sposta un oggetto che usi quotidianamente molte volte in un posto diverso dal solito.

Ad esempio: in bagno tieni il sapone sulla destra del rubinetto? Spostalo a sinistra! C’è qualche azione che svolgi tantissime volte al giorno, a casa o al lavoro, come ad esempio buttare la carta nel cestino a destra sotto la scrivania? Spostalo a sinistra!
Vedrai che, quando ti troverai a svolgere quell’azione pensando ad altre mille cose, il fatto di non trovare l’oggetto al suo posto ti spiazzerà e ti trasporterà immediatamente nel momento presente. In più dovrai fare attenzione mentre compi quell’azione, perché qualcosa è cambiato e non puoi più svolgerla in maniera automatica.

Questa pratica, come molte altre, può essere sperimentata in modo creativo, magari coinvolgendo tutti i membri della famiglia, anche i bambini, in questa ‘caccia’ ai gesti abituali e magari decidere di dedicare una giornata alla settimana (o una settimana al mese) al gioco dei disabituatori. Ognuno può scegliere l’azione per un’altra persona, così da vedere chi sarà più perfido nel cambiare l’azione dell’altro! È una pratica davvero divertente che può servire anche a introdurre queste piccole pratiche di consapevolezza nella vita di chi non le ha ancora mai sperimentate o dei bambini, dato che a loro piace sempre avventurarsi in nuovi giochi. Potete anche sfidarvi e cercare ogni volta un’azione diversa!

 

2 – Cambia la mano

Un’altro modo di giocare è scegliere un’azione che sei solita svolgere con la mano dominante e provare a farla con l’altra mano. Ad esempio lavarti i denti, o bere il caffè, o addirittura mangiare, provare a fare un pranzo intero con l’altra mano: anche qui c’è davvero l’imbarazzo della scelta! Puoi dedicare un’azione al giorno, o nel caso tu abbia coinvolto la tua famiglia puoi scegliere tu l’azione che l’altro dovrà compiere con la mano ‘sbagliata’ e viceversa; o ancora sfidarvi tutti nella stessa azione (ad esempio: ‘questa sera ci laviamo i denti con l’altra mano tutti quanti!’)…
Questo è un modo fantastico per riuscire a porre totale attenzione a un’azione che solitamente svolgiamo pensando a qualcos’altro, perché vi accorgerete di quanto complessa sia in realtà quell’azione, ad esempio lavarsi i denti, quando provate a eseguirla con la mano che non è abituata a farlo.

Porta anche a meravigliarci di quanto complesse siano le azioni che svolgiamo ogni giorno, risvegliando in noi un sentimento di gratitudine per le possibilità di azione sul mondo che abbiamo ogni giorno. Siamo grati al nostro corpo e alla nostra mente per aver imparato tutta questa complessità di azioni che diamo per scontate nella quotidianità, e ci accorgiamo delle piccole cose che in realtà ci rendono speciali.

 

3 – Inventalo tu!

Qui si tratta di inventare un modo personale per disabituarsi; finora ti ho parlato degli esempi più classici, azioni che tutti abbiamo in comune. In realtà ognuno di noi compie anche azioni automatiche molto personali; per esempio, io stessa ho una serie di piccole azioni che svolgo ogni mattina prima di fare colazione prendendo sempre gli stessi oggetti, e quindi potrei decidere di spostare quelli. Oppure se pratichi uno sport e ti prepari i vestiti sempre nello stesso posto, mettili in un posto diverso, molto insolito, così magari quando arriva il momento di prendere i vestiti ti sei dimenticata dove li hai messi e sei costretta a fare veramente attenzione a quel momento per trovarli!!

Ognuno di noi ha dei piccoli gesti automatici personali di cui magari non si è mai accorto, dato che ormai fanno parte di una routine a cui non prestiamo attenzione; fare un attimo mente locale per cercare di individuare quali sono questi momenti particolari, personali in cui usiamo degli automatismi, diventa una pratica ulteriore di consapevolezza.

Ti aspetto nel gruppo Facebook dedicato se vuoi farmi una domanda o condividere la tua esperienza, e sul profilo instagram del @giardinodiakasha dove periodicamente lancio delle sfide su alcune di queste pratiche a cui puoi partecipare semplicemente taggandomi e usando l’hastag #maidiremidfulness.
Buona pratica!

Ti potrebbero anche interessare…

Prendersi cura di sé [MDM #16]

Prendersi cura di sé [MDM #16]

Parliamo di come la cura di sé non abbia niente a che vedere con la performance, o con il controllo (e relativo giudizio) del nostro corpo.

Alla fine proviamo insieme a metterci in ascolto di noi stesse, delle nostre sensazioni ed emozioni, e a chiederci di cosa abbiamo bisogno ora.

leggi tutto
Imparare a vedere davvero [MDM #15]

Imparare a vedere davvero [MDM #15]

Per la maggior parte del tempo, più che vedere le cose, vediamo i nostri pensieri su di esse, e così vale anche per le persone e le relazioni. Per fortuna, con un po’ di pratica possiamo allenare la nostra facoltà di prestare attenzione, per illuminare la nostra percezione con la luce della consapevolezza.

leggi tutto

0 Commenti

Hai domande o commenti? Scrivimi qui sotto!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest

Share This